9 giugno 2008

Ma cos'è quel ridere sotto la collina

Ma cos’è quel ridere sotto la collina

E’ il riso del Meraviglioso
                                         dell’Invisibile
                                                            dell’Assurdo
Poiché non esiste più alcun Via-da-qui
            (Sull’isola più remota
              c’è un Club Med)
                                         cerchiamo l’isola dentro di noi
                     un’isola soleggiata
                                un luogo di calipso scatenato
                                              un’isola dell’estrema evasione
             la terra inconquistabile
                                                   che non può venire consunta
C’è una tensione appassionata
                              uno struggersi dal desiderio del selvaggio
                                                       un amore per il selvaggio
                                                                       al cuore di ogni storia
Da Calibrano a Gauguin
       dal buon selvaggio di Rousseau
            al Battello Ebbro di Rimbaud
                             e al primo urlo barbaro di Whitman
Dai colonizzatori del Roanoke
                          (che scomparvero in zone inesplorate
                                  lasciando dietro di sé solo un foglietto:
                                                                        “Partiti per Croatan”)
          al Richiamo della Foresta di London
                             al Cassady di Kerouac
                                           la cui auto truccata era il suo destriero
             e a Ken Kesey sul suo autobus
                        che sul cartello di destinazione aveva “Oltre”
                                                                        sull’ultima frontiera

     E’ una terra di eretici e di streghe
                         Schiavi fuggiaschi e montanari
                                     Uomini che Bruciano e poètes maudits

Sentiamo il loro riso alto
                  Sentiamo il loro alto lamento
                                                                    qui alla fine del mondo

Lawrence Ferlinghetti - Ma cos'è quel ridere sotto la collina


Today's Song: Bob Dylan - Ballad of a thin man (from I'm not there movie)



1 commenti:

Polly ha detto...

Good for people to know.

Posta un commento